Differenze tra il difensore di ufficio e il difensore di fiducia

Il difensore di ufficio (art. 97 c.p.) è un avvocato nominato dallo Stato che difende l’imputato non ancora provvisto di difensore di fiducia, al fine di garantire il diritto di difesa tecnica in ogni processo penale (art. 24 Cost).

Il difensore di ufficio rimane in carica fino a quando l’imputato non nomina un difensore di fiducia (art. 96 c.p.), e deve essere retribuito direttamente dall’imputato.

Nei casi in cui l’imputato non raggiunge i limiti di reddito previsti dalla legge, potrà chiedere di essere difeso a spese dello Stato (art. 98 c.p.), sia che abbia un difensore di ufficio, sia che abbia un difensore di fiducia.

L’avvocato che difende una persona ammessa al gratuito patrocinio deve essere iscritto nella lista degli avvocati abilitati al patrocinio a spese dello stato (D.P.R. 30-5-2002 n. 115).